in ,

Bisogna migliorare le procedure per il riconoscimento dell’asilo politico

Oggi vorrei raccontarvi un episodio triste. Pochi giorni fa verso le 18:00, 2 amici di Cara Italia mi hanno riconosciuto sulla metro a Roma. È stato veramente bello finalmente conoscerci e scambiare un po’ di idee.

La mia gioia di aver incontrato questi amici è volata via quando mi hanno detto che stavano andando a passare la notte fuori, davanti alla Questura perché dovevano fare la richiesta di asilo politico. Senza passare la notte fuori in fila, è praticamente impossibile essere ricevuto alla Questura per richiedere l’asilo politico.

Ero così triste e dispiaciuto che non ho chiuso occhio quella notte. Invece di pensare a come velocizzare i rimpatri dei migranti, bisogna migliorare le procedure per il riconoscimento dell’asilo politico e dello status di protezione internazionale. Queste sono decisioni che incidono sulla vita delle persone perciò richiedono un gran senso di responsabilità.

Stephen Ogongo,
Coordinatore di Cara Italia

Clicca qui per iscriverti a Cara Italia, un movimento che lavora per la costruzione di un’Italia veramente e pienamente multiculturale.

COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Comments

comments

Riforma della cittadinanza: Politici non devono deludere di nuovo questi figli d’Italia

Cara Italia condanna con forza l’aggressione militare della Turchia contro i Curdi in Siria