in , ,

Cara Italia lancia il No Odio Day sui social il 10 Agosto 2019

Il prossimo 10 agosto, il Movimento Cara Italia indice la prima edizione del “No Odio Day” su tutti i social. Durante la giornata delle stelle cadenti, quando per tradizione ognuno di noi esprime i suoi desideri più belli, cerchiamo di modificare le nostre pagine social, offuscando quelle immagini e quelle parole che da molti mesi, oramai, avvelenano le nostre giornate.

“Occorre spostare l’attenzione mediatica e social da chi fomenta odio, da chi divide, da chi scaglia i penultimi contro gli ultimi, da chi suscita rabbia e violenza, a ciò che maggiormente ci sta a cuore e cioè il futuro del nostro Paese– dice Stephen Ogongo, fondatore di Cara Italia – Invitiamo tutte le persone, associazioni, organizzazioni, movimenti, blogger, giornalisti, politici, attivisti e soprattutto i cittadini che non condividono le politiche di questo governo, ad aderire a No Odio Day. Per l’intera giornata del 10 Agosto, vi invitiamo a rispondere al male ed al brutto che viene fabbricato ad arte e che stimola in ognuno di noi, inevitabilmente, solo sentimenti negativi, con la bellezza. Nessun post, nessun commento, nessuna foto o video, nessun link, nessun articolo che parli o fac-cia riferimento a chi, quotidianamente, provoca e sfida la nostra rabbia con atteggiamenti increscio-si, ponendosi al di sopra della legge. Solo bellezza. Opere d’arte, poesie, pagine del diario di Anna Frank, racconti che facciano ben sperare, storie di integrazione, e tutto ciò che esalti la bellezza nella diversità! Nessuna differenza di sesso, razza, religione, orientamento sessuale….. Nessuna! Esal-tiamo i valori della nostra Costituzione, ripetiamone i principi fondamentali!”

Fino ad ora non abbiamo fatto altro che condividere azioni malsane e vergognose. Le abbiamo ana-lizzate, criticate, combattute. Proviamo invece ad ignorarle. Questo sarà un nuovo segnale.

“Lasciamo i frustrati, gli ignoranti e coloro che sanno solo difendere l’indifendibile, per un giorno, senza post sotto i quali sfogare la loro rabbia, il loro odio. Il famoso team di odiatori seriali, pagati per fabbricare bufale e fake news, e per diffondere odio ed omofobia, senza lavoro. Un giorno. Il No Odio Day– dice un’attivista di Cara Italia – che potrà diventare una settimana, e poi un mese, e poi la normalità. Diffondiamo a tutti i gruppi, a tutti i blogger, a tutti i politici che scrivono sui so-cial. Ignoriamo lo schifo che ci viene giornalmente propinato.”

E, dato che è il giorno dei desideri, delle stelle cadenti, spostiamo la nostra attenzione su questa domanda: Qual è l’Italia che vorremmo per i prossimi 50 anni? Consideriamo questa giornata come un momento di riflessione e cerchiamo di scrivere insieme la nostra visione del Paese pensando a che tipo di Paese vogliamo costruire o avere.

Pertanto, siete tutti invitati, in qualunque momento, a scrivere liberamente tutte le vostre proposte, le vostre idee e i vostri desideri. Liberate le menti dall’odio e dalla rabbia, dimostriamo che siamo di-versi, cerchiamo di usare la ragione per pensare e il cuore per sognare un futuro migliore per questo Grande e Stupendo Paese.

Sogniamo e iniziamo a migliorare la nostra Cara Italia. Potete scrivere le vostre proposte diretta-mente sul gruppo Facebook di Cara Italia (https://www.facebook.com/groups/caraitalia/). I nostri volontari raccoglieranno tutte quelle che potranno diventare la base del programma che adotteremo come Cara Italia e che ci impegneremo a portare avanti. CREDIAMOCI! Grazie a tutti!!! Se volete, potete anche inviare le vostre proposte e idee a info@caraitalia.org

Clicca qui per iscriverti a Cara Italia, un movimento che lavora per la costruzione di un’Italia veramente e pienamente multiculturale.

COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Comments

comments

Facebook cancella i post della Lega – È inutile che Matteo Salvini smentisca quello che non si può smentire

Open Arms – Perché Salvini continua a negare lo sbarco a queste persone che hanno già sofferto troppo?