in

Ecco le cose che insegno a mia figlia per essere una cittadina consapevole dei propri diritti e doveri

Cerco d’insegnare a mia figlia ad essere una cittadina consapevole dei propri diritti e dei propri doveri.

Le insegno a non avere nessun pregiudizio di tipo religioso, etico-morale, sociale o biologico.

Le insegno che nessun Dio esiste sotto la forma che le religioni propagandano ma, se vuole credere è liberissima di farlo privatamente, senza imporre la sua credenza a nessun altro.

Le insegno a porsi continue domande e cercare le risposte nel sapere dello studio, ed in quello che dice la sua coscienza.

Le insegno che i peccati non esistono e non sono una colpa, ma che può fare ciò che vuole, ovviamente pagando le conseguenze verso la sua coscienza e verso la società civile.

Le insegno che il denaro ha una importanza relativamente bassa e che, invece, il sapere ha un valore immensamente maggiore.

Le insegno che la politica dovrebbe essere un mezzo per servire gli altri e non deve mai essere per un fine personale.

Le insegno il rispetto del prossimo nella sua diversità perché nessuno è uguale a lei, e nessuno lo sarà mai.

Le insegno a non correre da sola con il solo scopo di arrivare prima, ma di girarsi indietro, e magari arrivare al traguardo insieme con chi è in difficoltà.

Le insegno che la parola data è sacra e va mantenuta ad ogni costo.

Le insegno che del suo corpo può fare ciò che vuole perché nessuno, neanche io da padre, posso decidere qualcosa sul suo corpo.

Le insegno che il ”è mio e di nessun altro” non ha valore, ed è egoista.

Io insegno a mia figlia queste piccole, o forse grandi cose, che sono le uniche importanti che nella vita ho appreso, e tutto questo probabilmente, un domani la renderanno una grande Donna.

Massimiliano Picchietti

Clicca qui per iscriverti a Cara Italia, un movimento che lavora per la costruzione di un’Italia veramente e pienamente multiculturale.

COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Comments

comments

Blitz di parlamentari a bordo della Sea Watch. Preoccupanti le condizioni dei minori. “Fateli sbarcare subito”

Chiusura del CARA di Castelnuovo Di Porto gestita in modo disumano, sbrigativo e caotico – COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO