in

Sgombero al Cara di Castelnuovo di Porto: I bambini non dovrebbero mai assistere a scene così raccapriccianti

Per circa due anni (2012-2014) ho avuto la possibilità di fare una delle esperienze più intense e belle della mia vita come responsabile Sanitaria del Cara di Castelnuovo di Porto.

Grazie all’amministrazione di allora, sono stati fatti molti progetti, e ci sono stati anche errori, incongruenze e difficoltà.

Abbiamo lavorato moltissimo con il territorio e con i cittadini. Con onestà, dignità, etica e tutela dei diritti umani. Abbiamo dato priorità all’Altro, ascoltato i loro vissuti, ci siamo presi cura di loro, si sono fidati di noi e ci hanno preso per mano.

Il mio primo figlio l’ho allattato insieme alle altre madri, donne della Nigeria e dell’Eritrea che erano nel campo. Non richiedenti asilo, non immigrate, non profughe: MADRI.

Vedere quanto accaduto ieri al CARA è stato come toccare l’orrore. Nemmeno nei peggiori incubi di Ballard si potevano immaginare la deportazione delle persone in quel modo. Si possono cambiare le leggi, gli orientamenti politici (la democrazia prevede anche questo) ma c’è di base la necessità di tutelare i diritti delle persone, la loro dignità, il rispetto.

I bambini poi…non dovrebbero mai assistere a scene così raccapriccianti. La loro infanzia stracciata sotto il peso dei ‘provvedimenti’. Come spiegheremo loro tutto questo accanimento? Come spiegheremo azioni del tutto prive di regole ma dense di violenza. Il bene collettivo è in agonia. ‘I dannati della terra’.

Alessandra Sannella

Clicca qui per iscriverti a Cara Italia, un movimento che lavora per la costruzione di un’Italia veramente e pienamente multiculturale.

COMMENTI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

Comments

comments

Ecco perché dobbiamo combattere il razzismo con tutte le nostre forze

Una lettera al “fratello” razzista: Ti dico perché i migranti non vogliono essere riportati in Libia